“Genitori in azione”, il personal trainer: “Dobbiamo essere d’esempio”

“Mangia bene!”, “fai sport!”. A nulla valgono le parole se i genitori non sono, per i figli, soprattutto un esempio. Lo conferma Simone Ravalli, personal trainer di Riccione e titolare dello studio Timeout.Training nel quale, insieme a una biologa nutrizionista e a un posturologo masso-fisioterapista, si occupa di riportare il benessere nella vita delle persone. Simone è uno degli speaker dell’evento “Genitori in azione”, il week-end formativo per genitori in programma il 5 e 6 maggio all’Hotel Corallo di Riccione (ne avevamo parlato qui).

“La mattina del 6 maggio – spiega il personal trainer – accompagnerò genitori e ragazzi in spiaggia, dove faremo di certo un po’ di movimento ma dove parleremo, soprattutto, di come attraverso lo sport, che è educazione per definizione, si possano trasmettere tanti insegnamenti“.

Secondo Ravalli, infatti, il movimento è solo un mezzo per trasmettere ai figli l’idea che quello che i grandi sono e fanno è l’unico esempio possibile, al di là di frasi, slogan, parole: “Parole che diventano vuote e prive di senso se non siamo noi genitori i primi a incarnarle e a metterle in pratica. Lo dico da personal trainer, lo dico da padre di tre bambine e lo dico anche da ex preparatore atletico della squadra di rugby di Rimini, dove ho fatto una bellissima esperienza sia dal punto di vista sportivo che umano”.

Il movimento, dunque, diventa non solo sinonimo di salute e benessere ma anche di consapevolezza di sé e della propria forza interiore: “Spero che un po di sport aiuti figli e genitori a mettersi in discussione e, in ultima istanza, a collaborare e avvicinarsi per migliorare le proprie relazioni.”. 

www.genitoriinazione.it

In questo articolo ci sono 0 commenti

Commenta

g