Genitori in azione, l’importanza dei sogni e delle emozioni dei figli

Matteo Nardi
Diletta Briganti
Diletta Briganti

Riconoscere le proprie emozioni e saperle esprimere. Ma anche avere una forte motivazione interna e agire in base ai propri obiettivi, inseguendo i sogni. Sono gli aspetti che i trainer e coach Diletta Briganti e Matteo Nardi di Younite cureranno durante l’evento “Genitori in azione”, il week-end formativo per genitori in programma sabato 5 e domenica 6 maggio all’Hotel Corallo di Riccione (qui i dettagli).

Pur occupandosi di fasce d’età differenti (8-11 anni Diletta, 12-18 Matteo), entrambi sono interessati allo sviluppo dell’identità e delle caratteristiche dei ragazzi, al di là delle aspettative dei genitori e della società in generale: “Uno dei problemi che più spesso riscontro – spiega Diletta – è che i pre-adolescenti sono disarmati di fronte al cambiamento che stanno attraversando e si chiedono quindi chi siano e che cosa desiderino. Ecco perché vanno aiutati a capirsi e a guardarsi dentro”. Matteo riscontra invece una difficoltà ancora maggiore: “I ragazzi molto frequentemente hanno già smesso di sognare, come se fossero schiacciati dalle esigenze di altri. Esigenze che non corrispondono al loro essere e al loro sentire“.

Fermo restando che i genitori, secondo i due coach, fanno sempre del loro meglio in base a ciò che sono e che conoscono, nel mancato accoglimento delle peculiarità dei ragazzi le responsabilità dei grandi si sentono eccome: “Non solo dei genitori ma anche degli altri educatori, che siano quelli del mondo sportivo o religioso. Gli adulti puntano troppo spesso a quello che i giovani dovrebbero fare, non a quello che potrebbero o vorrebbero fare“.

Per fare passare i loro messaggi, i due coach utilizzeranno l’esperienza: attività pratiche, giochi , teatro e divertimento sono e saranno anche a Riccione i metodi utilizzati.

“L’approccio funziona – conclude Matteo -. Se il coach si diverte, si divertono anche ai ragazzi. Dai quali, alla fine, imparo anche io”.

www.genitoriinazione.it

In questo articolo ci sono 0 commenti

Commenta

g