Le tradizioni alimentari raccontate ai bambini al Baccanale

Giocando si impara: tanti laboratori nell’evento che si terrà a novembre ad Imola. E si va alla scoperta del lupo

La storia del gusto e delle tradizioni alimentari si tramanda di generazione in generazione, per questo il Baccanale riserva un’attenzione particolare al pubblico dei più giovani, la generazione del domani. Ad Imola, giocando si impara: laboratori, incontri e spettacoli, pensati appositamente per i bambini, diventano una nuova forma di intrattenimento educativo.
Alcune attività prevedono la partecipazione dei genitori e sono delle occasioni per vivere delle esperienze in famiglia, all’insegna del divertimento e della condivisione.

Il Baccanale invita i più piccoli a mettersi “CON LE MANI IN PASTA”, presso la Casa dei Giochi (viale Saffi 22), dove le educatrici e l’Associazione Amici del Nido d’Infanzia Scoiattolo hanno organizzato un laboratorio adatto fino a 6 anni di età, previsto giovedì 7 novembre alle ore 17.00. Per chi non riuscisse a saziare la propria fame di divertimento, c’è la possibilità di fare il bis il giovedì successivo, sempre alla stessa ora, con STORIE IN CUCINA.

Venerdì 8 novembre, alle ore 17.00 e alle 17.45, la Libreria il Mosaico in Piazza Matteotti si trasforma ne LA STANZA DELLE PAROLE, STORIE CHE CRESCONO, dove i bambini da 1 a 3 anni possono ascoltare le “storie saporite, per palati sopraffini” di Arianna di Pietro. L’incontro verrà ripetuto anche venerdì 22 alle ore 17.00.

Come ogni anno Casa Piani, la sezione ragazzi della Biblioteca comunale di Imola (via Emila 88), ospita interessanti iniziative per lavorare sulla creatività e sulla cultura culinaria, con idee davvero golose per grandi e piccoli: sabato 9 novembre, alle ore 10.30, è la giornata da dedicare alla realizzazione di un coloratissimo ricettario, in cui scrivere gli ingredienti e i procedimenti dei piatti più gustosi per conservarli come un ricordo personale. I genitori con i bambini da 4 a 7 anni possono partecipare al laboratorio LO CHEF SONO IO! In alternativa, possono scegliere anche il laboratorio IL MIO LIBRO GUSTOSO (sabato 23 novembre ore 10.30), durante il quale si realizza un pranzo completo a base di carta, pasta e fantasia, per racchiudere in un quaderno il gusto dei ricordi.

Dai bambini ai genitori, dai genitori ai nonni, il Baccanale coinvolge proprio tutta la famiglia, dove si incontrano il passato e il futuro delle nuove generazioni. Ma come cambia la tradizione con il passare del tempo? Giovedì 14 novembre alle ore 16.45, il CEAS Imolese in via Pirandello 12 è pronto ad aggiungere un posto “A TAVOLA CON I TRISNONNI” per riflettere e confrontare le abitudini alimentari del secolo scorso con quelle attuali. Si consiglia la partecipazione ai bambini dai 6 ai 10 anni.

Sabato 10 novembre dalle ore 15.00 alle ore 19.00 si va ancora più indietro nel tempo, con un tuffo nel Medioevo per scoprire l’evoluzione delle tradizioni gastronomiche. RACCONTAMI UNA STORIA. SAPORI, MEMORIA E TRADIZIONI ATTRAVERSO IL TEMPO è un’attività didattica per bambini e adulti, un appuntamento da non perdere in compagnia dell’assicizione I difensori della Rocca, presso la Rocca Sforzesca.

Alla scoperta del Lupo

Direttamente dal mondo delle fiabe, arriva il buongustaio per antonomasia: il lupo, ghiotto antagonista dei racconti d’infanzia. Tre incontri alla scoperta di questo personaggio misterioso e dei suoi gusti culinari, un modo piacevole di affrontare le paure. Si parte giovedì 14 novembre alle ore 17.00 con CHI HA PAURA DEL LUPO?, l’attività organizzata da Agnese Baruzzi, presso la Libreria il Mosaico per i bambini dai 5 anni in su (prenotazione al numero 0542 21949).

A seguire, sabato 16 novembre l’attore Alfonso Cuccurullo presenta alle ore 10.30 a Casa Piani, un appuntamento con racconti di storie e strane ricette pensate proprio per chi ha “UNA FAME DA LUPO!”.

Infine, parlando di “COSE DA LUPI”, la Libreria il Mosaico torna a proporre il tema del curioso personaggio attraverso lo spettacolo di Zanubrio Marionette, teatro di oggetti e cibi quotidiani, previsto domenica 17 novembre alle ore 17.00. La partecipazione richiede un’età minima di 3 anni e tanta fantasia, per una giornata da favola!

In questo articolo ci sono 0 commenti

Commenta

g