Diabete, bambini e genitori fanno pacchi regali per raccogliere fondi

Anche questo Natale sarà un Natale speciale per i tanti volontari che stanno regalando il loro tempo e la loro disponibilità alla famiglia allargata di Diabete Romagna. Da Tigotà (in viale Roma a Forlì) dal 7 al 24 dicembre un gruppo di volontari confezioneranno i pacchi regalo dei clienti e le donazioni raccolte andranno a sostenere i progetti dell’associazione a favore dei bambini con diabete.

Il gruppo di volontari è formato da ragazzi e adulti con il diabete, da genitori di bimbi con diabete, ma anche da amici e simpatizzanti dell’associazione Diabete Romagna che vogliono dare il loro piccolo contributo alla realizzazione di un mondo in cui il diabete non abbia più il potere di decidere della vita di nessuno!

Sono circa 78.000 le persone con diabete in Romagna. Tra queste non ci sono solo adulti, ma anche bambini e persone non autosufficienti, che vivono in condizione di fragilità. Per restituire loro il sorriso e quella serenità che troppo spesso la malattia toglie loro l’associazione organizza campi formativi per bambini e famiglie e offre il servizio di assistenza medica domiciliare per persone con diabete non autosufficienti, il primo in Italia.

“Siamo infinitamente grati a Tigotà perché con la campagna “Un regalo coi fiocchi” ci offrono per il secondo anno la grandissima opportunità per dare una risposta concreta ai bisogni di tanti bimbi con diabete e alle loro famiglie”, ha detto Pierre Cignani, presidente Diabete Romagna Onlus.

L’iniziativa “Un regalo coi fiocchi” si colloca all’interno del ricco programma di iniziative dell’associazione legate al periodo di Natale. Sabato 8 dicembre ad esempio, presso il Teatro Dragoni di Meldola si terrà il concerto gospel di beneficienza in collaborazione con l’Intercity Train Gospel Orchestra.

Per diventare “aiutante di Babbo Natale” e partecipare all’iniziativa “Un regalo coi fiocchi a Tigotà” o conoscere le altre iniziative di Natale dell’associazione si può scrivere a info@diabeteromagna.it o chiamare il 388 161 3262.

 

In questo articolo ci sono 0 commenti

Commenta

g