Niente assegni alla ex e alle figlie, Brizzi chiede i lavori socialmente utili

Enrico Brizzi, bolognese, autore di “Jack frusciante è uscito dal gruppo”, ha chiesto al Tribunale di Bologna l’istituto della messa alla prova per sospendere momentaneamente il processo a suo carico per violazione degli obblighi di natura economica, nei confronti delle tre figlie minori e della prima moglie, disposti dal giudice nella causa di separazione. Lo scrive Il Corriere della Sera.

Quarantaquattro anni, Brizzi si era sposato nel 2003. La causa di separazione, molto tormentata, va avanti dal 2012. Lo scrittore, per il mantenimento delle tre figlie oggi adolescenti, dal 2012 al 2017 avrebbe dovuto versare una cifra tra i 60 e i 70mila euro, cosa che secondo l’accusa non ha fatto.

Nel 2016 la ex lo ha denunciato, aprendo il processo penale da poco approdato in Tribunale. Brizzi, stando al suo avvocato, negli ultimi mesi ha versato quanto doveva per il 2018. Se verserà anche gli arretrati, il giudice potrebbe concedergli i lavori socialmente utili.

In questo articolo ci sono 0 commenti

Commenta

g