Gay Pride al centro estivo, i genitori si infuriano

Al centro estivo si celebra il Gay Pride. Venerdì scorso è successo alla scuola dell’infanzia del quartiere Meridiana di Casalecchio di Reno (Bologna) dove le educatrici della Coop Dolce che gestisce il servizio, in concomitanza con la parata per i diritti delle persone omosessuali a Bologna tenutasi sabato, hanno deciso di coinvolgere anche i bimbi (fino ai cinque anni) nella manifestazione.

Lo scrive oggi Il Resto del Carlino, che riporta come i genitori abbiano scoperto tutto all’uscita. I bimbi avevano i visi dipinti con i colori dell’arcobaleno e avevano realizzato un cartellone con scritto “Viva l’amore!”.

Per alcuni genitori la scelta delle maestre è incomprensibile: “Inopportuno non chiedere il nostro parere”. Pietro Segata, presidente della coop, ha così commentato: “Ai nostri operatori dico sempre che sui temi etici dobbiamo tenere una distante attenzione. A maggior ragione quando si hanno di fronte famiglie e bambini. E questo aspetto forse è stato sottovalutato”. Scettico il sindaco Massimo Bosso: “Abbiamo bimbi figli di coppie omogenitoriali e la formazione culturale deve essere a tutto campo. In questo caso la Dolce gestisce un servizio di cui non abbiamo responsabilità educativa. Certo che una festa tipo gay pride per bambini di quell’età è difficilmente comprensibile”.

In questo articolo ci sono 0 commenti

Commenta

g