Bologna, ritrovata una macchina da parto settecentesca

Un manichino in cuoio che riproduce la parte inferiore del corpo femminile: è la macchina da parto settecentesca accessoriata di bambolotti in pelle grandi quanto feti di nove mesi (placenta e cordone compresi) ritrovata da due professori dell’Università di Bologna nel dipartimento dell’istituto di Medicina Legale.

Come riporta Il Corriere della Sera, l’oggetto è stato consegnato al sistema museale di Ateneo, che ha già portato la macchina all’Opificio delle pietre dure di Firenze per il restauro. 

All’epoca, la macchina serviva per studiare e spiegare la fisiologia del parto.

In questo articolo ci sono 0 commenti

Commenta

g