Cosa fare se un bimbo cade e si rompe un dente da latte o permanente

5 agosto 2016 1 commento

  1. Il 30% dei bambini subiscono un trauma a carico dei loro denti decidui (da latte) e i più colpiti sono gli incisive centrali.
  2. Due età critiche:
    • 1 -3 anni quando ancora la deambulazione è incerta;
    • 8-10 anni quando praticano sport di squadra e giocano più spesso fuori casa
  3. I traumi della bocca sono quasi sempre dovuti a cadute, incidenti con la bici o l’auto, o mentre si pratica uno sport.
  4. Cosa fare se il dente è in sede:
    • Se c’è sanguinamento in atto applica delle garze piegate per tamponare; applica ghiaccio sulle gengive gonfie per ridurre il dolore .
    • Somministra analgesici (paracetamolo, ibuprofene)
    • Se il dente è solo scheggiato, raccogli i frammenti e mettili in acqua. Assicurati che non ci siano frammenti tra le labbra, lingua e gengive
    • Contatta un dentista entro 6 ore.
  5. Cosa fare se il dente si stacca ed è permanente:
    • Tieni il dente dalla corona e non dalla radice
    • Se il dente è sporco, lavalo con acqua fredda e non strofinare la radice
    • ENTRO 5 MINUTI: Se possibile metti il dente nella bocca del bambino, nel suo spazio (alveolo). Quindi fai si che il bambino tenga una garza tra i denti. Se questo non è possibile, metti il dente nel latte o, altrimenti, nella saliva
    • Chiama subito il dentista: il dente deve essere riposizionato al più presto!!!
  6. Cosa fare se il dente si stacca ed è da latte:
    • Tampona il sanguinamento e tratta il dolore
    • I denti decidui non devono essere rimessi nell’alveolo: ci può essere il rischio di causare un’infezione che può diffondersi a quello permanente e può interferire con la sua successiva eruzione.
  7. Assicurati che il bambino abbia sempre i paradenti quando fa sport di contatto.
  8. Il bambino, in auto, deve sempre essere ben allacciato con la cintura di sicurezza e nell’apposito seggiolino.
  9. Considera possibili cause non accidentali (maltrattamento).
  10. Cosa non fare:
    • Tralasciare di cercare o conservare il dente
    • Conservarlo in maniera non adeguata
    • Trascurare di trattare il dolore
    • Pensare che non sia importante chiamare il dentista


direttore dell'U.O. di Pediatria e del Dipartimento Materno-Infantile dell'Ausl di Forlì

Commenti:

  1. Patrizia scrive:

    Dopo le 19 e i sabati e le domeniche e festivi chi si chiama? Un chirurgo pediatra in servizio al DEA

Commenta