Zuccabà, nasce una scuola non convenzionale sulle colline

 

zuccabaL’associazione Soffiditerra è pronta a partire, il 12 settembre, con Zuccabà, un progetto educativo non convenzionale per bambini e bambine da 2 a 11 anni.

In una casa immersa nel verde, nelle colline tra Forlì e Cesena, da settembre a giugno, dal lunedì al venerdì, i bambini e le bambine hanno la possibilità di giocare, sperimentare e apprendere muovendosi liberamente in uno spazio propositivo a misura di bambino, sia dentro che fuori. I gruppi-classe sono di pochi bambini per dare la possibilità di creare un clima familiare e sereno fondato sulla lentezza, sulle piccole cose e su quei gesti quotidiani capaci di fissare interiormente il desiderio e la volontà di “prendersi cura di”.

Il progetto educativo si fonda sui seguenti principi: la centralità del bambino, dove l’ascolto, l’osservazione e la conquista dei bisogni, delle emozioni e dei talenti del bambino sono al centro della proposta educativa; una comunicazione sana, efficace, non violenta tra bambini e tra adulti e bambini; un clima democratico, dove le decisioni vengono prese adulti e bambini insieme; la libertà di scelta, per poter sviluppare e consolidare il naturale bisogno di apprendere, ognuno con le proprie modalità e i propri tempi; l’educazione incidentale, che dia spazio all’imprevisto e all’errore come possibilità di apprendimento; l’educazione esperienziale, offrendo diverse esperienze da cui apprendere e in cui confrontarsi con se stessi, con gli altri e con il mondo.

Zuccabà è gestita da un’equipe di educatrici professioniste con percorsi formativi differenti e multidisciplinari (metodo Montessori, outdoor education, apprendimento esperienziale, Gestalt counseling, pedagogia della lumaca, ortocultura, pedagogia 3000, musicArterapia nella globalità dei linguaggi, pedagogia non direttiva, psico-pedagogia di comunità, pedagogia speciale) che in sinergia promuove lo sviluppo integrale dell’essere umano, in particolare del bambino, nelle sue diversità e caratteristiche individuali e collettive.

Per info: zuccabaeducazione.it
Qui la pagina Facebook

In questo articolo ci sono 0 commenti

Commenta

g