Favola della buonanotte: che stress! Ma così funziona

3 settembre 2015 0 commenti

I personaggi che non devono mai mancare: un drago, una principessa, un mago e una fata. importante a quanto pare anche la durata: otto minuti e mezzo. Dopodiché la nanna è assicurata. Lo studio sulla favola della buona notte per andare a colpo sicuro con i bimbi è stato fatto da una compagnia di campi vacanze, la Butlin’s che ha individuato anche quali sono gli elementi tradizionali che non devono mancare: un castello, la bacchetta magica e, per renderla più vicina alla realtà, un cellulare.

Secondo la ricerca, è importante che tra i personaggi si sviluppi una forte amicizia, che ci sia un momento spaventoso in cui l’eroe deve affrontare il pericolo, combattendo i cattivi e naturalmente vincendo, per vivere felicemente.

Spazio poi alle voci più disparate, a cavalli e tappeti volanti.

favola, fiaba, favole, libriPer la ricerca sono stati interpellati 2.000 genitori e figli ed è emerso che il 12 per cento degli adulti considera il momento della nanna il più stressante della giornata.

Mamme e papà spendono 164 ore e 15 minuti di tempo, poco meno di una settimana all’anno, cercando di ottenere che i piccoli vadano a letto. Per il 19% per cento il momento più difficile è ricominciare ad andare a letto presto in occasione  del rientro a scuola dopo le vacanze estive. Il 51 per cento si affida al racconto di una storia per far dormire i figli, ma quasi uno su dieci, l’8%, si preoccupa di non essere bravo a farlo. Per la maggior parte dei genitori (il 54%), in ogni caso, la lettura con il proprio bambino è il momento preferito e il 27 per cento, pur non di non rinunciarvi, ha letto anche tramite il telefono o Skype!

Commenta