La mostra Pin’occhio vista dal “basso”: “Mamma, se potrei io tornerei”

“Bellissssssssima”. La mostra-spettacolo “Pin’occhio” che Drammatico Vegetale chiude il 9 maggio alla Manica Lunga della Biblioteca Classense di Ravenna è difficile da raccontare. Perché è un viaggio, un gioco. Tanto vale passare la parola ai bambini. Invece che avventurarmi in una recensione, ho pensato di intervistare mia figlia “a caldo”. Appena siamo uscite dalla visita guidata ho tirato fuori dalla borsa carta e penna e l’ho intervistata.
Violante, ti è piaciuta?
“Un sacco, mamma. A te?”
Anche a me. Mi sono pure messa il cappello con le orecchie da asino, come te. Ti sei accorta che il cartone della Disney c’entrava poco?
“Certo. Io preferisco la storia di Collodi, fa molta più paura. Ti ricordi il cartone che abbiamo visto insieme al cinema? Quello di….come si chiama? Enzo Da, da, da…”.
foto (32)D’Alò. Pensi che quel cartone assomigli alle scene della mostra?
“Sì, per esempio la balena non è una balena ma un pescecane”.
Non ti faceva paura l’ombra proiettata sul muro?
“Macché, è stata bellissima”.
Non mi dire che è la tua preferita…
“No, la mia preferita è….non lo so, troppo difficile. Mi sono divertita in tutte”.
A fare che cosa?
“Nella prima ho colpito con due martelli un pezzo di legno. Nella seconda dovevo fare uscire da una specie di pompa per la bicicletta dei suoni di uccellini, quelli appesi al naso di Pinocchio. E poi che belli quei teatrini: hai visto che in uno avevano messo degli oggetti a caso? C’era anche Hello Kitty. E c’era anche un drago che abbiamo a casa io e Filippo”.
Ti è piaciuta la casetta della scena “La medicina non la voglio!”?
“Tanto, sbirciando dentro ho visto la fata, i dottori. Ma non ho mica capito se la medicina funziona per fare guarire Pinocchio: non me l’hanno detto”.
Secondo te funziona?
“Secondo me sì”.
Ma ti ricordi anche quanti Pinocchio c’erano in quella bella gabbietta verso la fine della mostra?
“Undici, sono sicura”.
Te l’aspettavi la giostrina nel cortile della biblioteca?
“No, che bella. Io facevo delle facce strane mentre giravamo, te ne sei accorta?”
Sì, sì. E tu ti sei accorta che nel bosco c’erano voci paurose, ombre e che Jenny, l’animatrice, ha invitato i bambini a scappare?
“Ah sì? Bisognava scappare? Io non sono mica scappata. Però lì un po’ di paura l’ho avuta”:
Torneresti a vedere Pin’occhio?
“Sì mamma, se potrei ci tornerei”.

Tutte le info sulla mostra qui

In questo articolo ci sono 0 commenti

Commenta

g