Incidenti domestici: ecco come evitarli con la guida del Ministero della Salute

Se crediamo che l’ambiente domestico sia il più sicuro e protetto per i bambini, ci sbagliamo di grosso. Infatti proprio all’interno delle mura domestiche si nascondono insidie e pericoli che potrebbero causare incidenti.

detersivi bambini veleniIl Ministero della Salute per ridurre i rischi, stimola l’adozione di comportamenti idonei con la pubblicazione della guida “Bambini sicuri a casa”.

Per ridurre i rischi da incidente domestico a pochi mesi di vita dei bambini (caduta, asfissia-annegamento, ustione) le misure di prevenzione suggerite vanno dal non lasciare mai solo il piccolo sul fasciatoio o su piani elevati, alle indicazioni sulle sbarre del lettino che non devono avere un’altezza inferiore a 75 centimetri. Ecco quindi che durante il cambio del pannolino è necessario non allontanarsi fino a impresa ultimata.

A 9 mesi il bimbo tende ad aggrapparsi, prende piccoli oggetti, li lascia cadere o li scaglia. Gattona e quindi può raggiungere qualsiasi trappola. Quindi vanno bloccati i mobili bassi e le serrature. E secondo gli esperti il girello non va usato. Altro pericolo possono essere le tende, perché il bambino per alzarsi può tirarle a sé, per questo bisogna accertarsi che siano robuste e fissate.

A 18 mesi al bambino – secondo il Ministero della Salute – “non vanno regalate macchinine, bamboline, perline; infatti i piccoli pezzi (bottoni, piccole parti in plastica e stoffa) finiscono in trachea. Attenti anche agli alimenti non idonei come arachidi, chicchi di uva, pomodorini, caramelline dure o gommose, carote crude, pezzettini e semi di mela, prosciutto crudo, wurstel: possono finire in trachea e causare soffocamento. “Anche molte piante da appartamento sono velenose (come le Stella di Natale, il ciclamino, l’oleandro e il ficus) – spiega il Ministero – meglio evitarle”.

Quando arriva il bambino arriva a 2-3 anni “servono i cancelletti – suggerisce la guida – per le scale, usare i paraspigoli, fissare le librerie al muro, chiudere a chiave i cassetti: aperti possono rappresentare ottime scalette per arrampicarsi”.

Infine, tra i 4-6 anni il bimbo inizierà ad andare in bicicletta “ma sempre con il casco”.

Clicca qui per consultare “Bambini sicuri in casa. Piccola guida per i genitori”.

In questo articolo ci sono 0 commenti

Commenta

g