Rischio soffocamento nei bambini: “I genitori hanno in casa pericoli formidabili”. Ecco quali sono

In Europa soffocano 50.000 bambini all’anno. L’uno per cento muore. In Italia ne muore quasi uno alla settimana. Cifre troppo alte per non pensare che il problema sia ancora molto sottovalutato.

“La consapevolezza sul rischio di soffocamento nei bambini sta crescendo nei genitori, lo si vede dai corsi che organizziamo che sono sempre pieni. E’ nelle istituzioni che ancora non c’è”. Mirko Damasco è istruttore nazionale di Salvamento Academy e fondatore delle associazioni Salvagente Monza e Salvagente Rimini che ogni anno organizzano decine di corsi di disostruzione destinati sia ai genitori che al personale scolastico e a chiunque ne faccia richiesta. E’ dalla sua casella di posta elettronica che è partita l’email diretta All’Ausl di Rimini con la quale si faceva portavoce delle lamentele di molti genitori di bambini che frequentano gli asili, dove pomodori pachino interi e chicci d’uva sono alimenti introdotti senza problemi nelle mense.

“Il rischio di soffocamento è un problema che si sottovaluta moltissimo – spiega -. Inizia ad essere visto dai genitori perché hanno paura, manca la stessa consapevolezza nelle istituzioni. Muoiono tanti bambini ma tanti altri se ne salvano, qualche giorno fa mi è arrivata l’ultima lettera da una mamma di Rimini che mi raccontava di come avesse salvato suo figlio. Ma si pensa ancora troppo poco alla prevenzione. I genitori hanno in casa pericoli formidabili a cui non pensano”.
Mi fa qualche esempio?
“Il   concetto che io voglio sempre chiarire è che non esiste qualcosa che i bambini non possano mangiare, compresi i wurstel. Il problema è tagliarglieli e controllare i bambini come mangiano. Facciamo parte di un progetto di ricerca mondiale. Dai primi dati arrivati è emerso che molti  bambini di tre anni soffocano a causa delle ossa: vuol dire che i genitori gli danno da mangiare una coscia di pollo intera. L’altro dato sconvolgente è che quando accade una volta su quattro il bimbo era solo: i nostri bambini mangiano e giocano da soli”.
Cosa si dovrebbe evitare in casa?
“Molti bambini che giocano con oggetti che contengono pile, pericolosissime anche se non causano soffocamento. Per non parlare dei detersivi. Il 99% delle famiglie li tiene alla portata dei bambini. Le montine, dove le teniamo? Dove mio figlio può arrivare. E la frutta? Lo stesso, dove lui passa, allunga le mani e la prende. Uva, ciliegie, pomodorini sono pericolosi. Parliamo di bambini dai tre ai cinque anni, non di quelli più grandi. Spesso diamo da mangiare le cose giuste ma nel piatto accanto, quello della mamma o del papà, ci sono polpette. Dobbiamo guardare con occhi diversi e consapevoli gli ambienti in cui viviamo”.
Cosa mi dice delle scuole?

Mirko Damasco
Mirko Damasco

“Il 70% dei corsi che facciamo nelle scuole sono organizzati perché ci chiamano. Anche lì sta crescendo la consapevolezza. Abbiamo aperto una sede di Salvagente a Rimini perché ci stanno inondando di richieste. Il problema è che abbiamo ancora tante scuole che pur proponendoglielo ci rispondono, ‘ma no vabè, alle tragedie non ci vogliamo pensare, a noi non è mai successo’. Parliamo di due ore di corso a costo zero. E’ che si dovrebbe arrivare a fare una legge. Se hai a che fare con i bambini o devi diventare genitore devi saper fare le manovre di disostruzione. Il problema è che la legge 8108, il testo unico sulla sicurezza sul lavoro, per gli insegnanti non prevede l’obbligatorietà del corso. E’ per questo che con Marco Squicciarini ci stiamo battendo per una modifica alla legge che lo introduca. Bisogna prendere atto che è un problema di salute pubblica”.
In Lombardia avete ottenuto un primo grande risultato.
“Grazie all’interessamento del consigliere regionale Massimiliano Romeo che con sua moglie ha frequentato un nostro corso è nato il disegno di legge appena presentato in Regione Lombardia, il primo di questo tipo in Italia. La Regione si impegna a stanziare 30.000 euro per sostenere una campagna di sensibilizzazione sull’importanza di conoscere le tecniche di disostruzione pediatrica. In più, poiché le scuole dipendono dalle Stato, se vogliono richiedere fondi regionali devono prima adeguarsi, aggiornandosi sui corsi di disostruzione”.
Come si comportano le mense scolastiche in Lombardia?
“Ci chiamano per fare consulenza: se un cibo è pericoloso su nostra indicazione viene tolto dai menu. Perché la prevenzione è importante. A volte vitale”.

 

Per contattare Mirko Damasco su Facebook clicca qui

Per il sito di Salvagente (con il calendario aggiornato dei corsi di disostruzione in tutta Italia) clicca qui 

Ecco lo spot realizzato da Salvagente e Salvamento Academy per sensibilizzare sulle manovre di disostruzione

In questo articolo ci sono 3 commenti

Commenti:

  1. Come dice il nostro caro amico Dott Damasco, la prevenzione è importantissima! L’unico modo per prevenire il soffocamento è essere informati su quali sono gli alimenti ed oggetti pericolosi e conoscere le manovre di disostruzione. Prochild Onlus gestisce il progetto internazionale Susy Safe: visitate http://www.susysafe.org per maggiori informazioni e compilate i nostri questionari: in questo modo aiutate la ricerca e la prevenzione e non vi costa nulla!!!

Commenta

g