Di rosso e nero vestite, anche in Romagna le donne ballano contro la violenza

Si balla in tutto il mondo, domani 14 febbraio, contro la violenza sulle donne. Il movimento creato da Eve Ensler, One Billion Rising, ha preso piede anche in Romagna.
A Faenza Sos Donna ha organizzato un flash mob alle 11 sulla scalinata del Duomo nella piazza principale della città. A danzare ci saranno le ballerine della scuola di ballo “Le fronde” di Castel Bolognese e chiunque abbia voglia di aggregarsi, con il coinvolgimento di alcuni istituti scolastici della città. A Ravenna le iniziative della giornata sono coordinate da Associazione Liberedonne-Casa delle donne: alle 12 in Piazza del Popolo studenti e studentesse, insegnanti e chiunque vorrà esserci si incontreranno per un flash mob di ballo sulla musica della canzone/inno mondiale “Break the chian”; alle 16,30 in Piazza del Popolo danza, performance, letture, musica per tutta la cittadinanza di Ravenna; alle 18 al centro commerciale Esp flashmob, musica, performance. A Lugo Demetra Donne in Aiuto organizza insieme a Spi Cgil, associazione Artemide, centro studi di danza Asd e assessorato alle Pari Opportunità un ballo alle 12 al Pavaglione. A Imola Trama di Terre/Centro interculturale delle donne, Udi IMola, coordinamento donne Cgil e Spi-Cgil si danno appuntamento alle 18 in piazza Matteotti, vestite di rosso e nero, i colori proposti dalle organizzatrici internazionali di One Billion Rising. A Rimini l’appuntamento è al centro commerciale Le Befane alle 18: a organizzare l’evento, il comitato Rompi il Silenzio. A Forlì l’evento è autogestito: il ritrovo in piazza Saffi alle 16,30 per realizzare il flash mob alle 17 in punto.

In questo articolo ci sono 0 commenti

Commenta

g