Ior Poster FumoOggi si celebra in tutto il mondo la 29° Giornata mondiale senza tabacco, che vede dal 1992 l’Istituto Oncologico Romagnolo in prima fila in questa importante sfida. Lo Ior, grazie all’impegno della dottoressa Franca Gentilini, della dottorssa Claudia Monti e della dottoressa Silvia di Marco e grazie alle importanti collaborazioni con l’Ausl della Romagna ha promosso numerosi progetti in questi 25 anni, nelle scuole di ogni ordine e grado, per la promozione della salute, con un particolare riguardo alla tematica del fumo. Una missione di vita che ha permesso, in questi anni, di sensibilizzare oltre 135.000 studenti romagnoli, coinvolgendoli in progetti con l’obiettivo di diffondere precocemente tra i giovani atteggiamenti di salute legati da un lato alla prevenzione dall’abitudine al fumo e dall’altro alla formazione dei genitori ed educatori riguardo all’importanza di far crescere i giovani in ambienti liberi dal fumo, per difenderli dai danni del fumo passivo.

Quest’anno i progetti hanno coinvolto direttamente quasi 13.000 alunni e rispettive famiglie e circa 500 docenti, oltre a numerosi operatori dei vari servizi sanitari dell’Azienda Usl della Romagna. Nel presente anno scolastico sono stati coinvolti a Forlì 1.736 alunni, 8 scuole e 34 insegnanti. Fondamentale per l’anno appena concluso il sostegno di Assicoop Romagna futura che ha permesso la realizzazione di questi importanti progetti di prevenzione dello Ior.

I progetti in campo, promossi dallo Ior in collaborazione con i relativi dipartimenti dell’Ausl di Romagna, sono stati: “Infanzia a colori” per le scuole dell’infanzia e le scuole primarie, nel quale attraverso il gioco, la favole e i laboratori di animazione si propone di aiutare i bambini a sviluppare atteggiamenti di salute e di scelta di stili di vita sani. “Liberi di scegliere” e Alcool … piacere di conoscerti” sono i progetti per le scuole secondarie di primo grado con l’obiettivo di aiutare i ragazzi e le ragazze a sviluppare le capacità di resistere alle pressioni e di prendere decisioni autonome. “Scuole libere dal fumo” per le scuole secondarie di secondo grado e infine “Paesaggi di Prevenzione per le scuole secondarie di primo e secondo grado. I temi trattati sono quelli della prevenzione delle dipendenze: inoltre alle classi che hanno aderito è stata offerta la possibilità di realizzare laboratori di approfondimento scientifico.

I giovani studenti delle scuole secondarie di 2° grado sono coinvolti in prima persona in percorsi di Educazione tra pari (peer to peer) che li preparano ad essere essi stessi promotori di salute e benessere tra i compagni della propria scuola. Nella giornata di oggi, 31 maggio, molte scuole saranno impegnate in attività di sensibilizzazione contro il fumo. Sarà allestita, infine, una mostra dei lavori degli studenti forlivesi presso l’ospedale Pierantoni-Morgagni fino al 7 giugno.