Un giro in Ferrari? Un giorno da poliziotto? I bimbi malati possono realizzare un sogno

Fare il poliziotto per un giorno, salire su una Ferrari, partire per un viaggio. I bambini malati – ma anche gli adulti – possono realizzare il loro sogno grazie a Claudia Burnacci, 39enne ravennate che nel settembre scorso, insieme a sua sorella, suo fratello, il suo compagno e un gruppo di amici ha ideato la onlus “Realizzo il tuo sogno“.
Claudia, da quale esperienza è nata l’idea?
“Mia madre è morta nel marzo dello scorso anno per un tumore. Quando era in ospedale io e i miei familiari abbiamo sempre fatto di tutto per alleggerirle il peso della malattia e soddisfare le sue richieste. Le portavamo i cappelletti, i frutti di bosco e i pistacchi. Le facevamo ascoltare la sua musica preferita. Le abbiamo portato anche un videoproiettore per rifarle vedere le foto di Londra,  dove sarebbe voluta tornare. I medici, in tutto questo, non facevano che motivarci. E così abbiamo deciso di proseguire quell’attività per aiutare altre persone”.
Che tipo di sogni potete esaudire?
“Da statuto non doniamo denaro. Possiamo essere contattati da malati gravi o terminali, loro amici o familiari affinché ci segnalino un sogno da realizzare. Noi andiamo in ospedale o a domicilio e proviamo ad esaudire la richiesta. Qualche giorno fa abbiamo ricevuto la prima richiesta: la mamma di un bimbo malato ci chiedeva di aiutarla a recuperare soldi per le cure. Ecco, questo non lo possiamo fare. Speriamo però che la sua telefonata faccia da apripista perché le persone abbiano il coraggio di contattarci”.
A quali età vi rivolgete?
“Dai tre anni in poi. In Italia esiste un’altra associazione, natà in realtà in America, che si chiama Make a Wish. Loro si rivolgono solo all’infanzia. Noi invece non ci poniamo limiti anagrafici. In questo siamo i primi sul territorio nazionale”.
In attesa di richieste, come vi state muovendo per farvi conoscere?
“Domenica 20 alle 20,30 organizzeremo una cena di finanziamento al ristorante Alexander di Ravenna. Siamo anche in procinto di incontrare la Pediatria dell’ospedale”.

Per informazioni e per prenotare la cena contattare Claudia Burnacci al 366 9712822

In questo articolo ci sono 0 commenti

Commenta

g