Lavorare fino al nono mese. L’ironia e l’amarezza di Battagliarin: “Istruite i colleghi a farvi partorire”

Giuseppe Battagliarin, ex primario di Ostetricia e Ginecologia all’ospedale di Rimini

Lavorare fino alla fine della gravidanza? Giuseppe Battagliarin, ex primario di Ginecologia e Ostetricia all’ospedale di Rimini e ora presidente della Commissione nascita della Regione Emilia-Romagna, ha scritto ieri sul proprio profilo Facebook un’analisi ironica ma allo stesso tempo amara sulle donne che diventeranno mamme nel 2019 e che potranno quindi, stando alla Legge di Bilancio, non assentarsi dal lavoro per i classici due mesi (o uno) prima del parto: “Per voi questo anno si apre all’insegna della conquista di nuove libertà (o forse di antiche schiavitù).Finalmente potrete lavorare, con l’approvazione formale dell’Inps, fino al momento di partorire. Dopo anni di coercizioni a cui sono state obbligate coloro che vi hanno preceduto dovendosi assentare dal lavoro al settimo o all’ottavo mese, per colpa delle inutili conquiste ottenute dal movimento delle donne e delle lavoratrici, finalmente potrete lavorare fino all’inizio delle contrazioni del travaglio o alla rottura delle membrane. Premuratevi però di istruire fin d’ora colleghe e colleghi perché in seguito non si preoccupino vedendovi cambiare espressione ed aumentare la frequenza respiratoria per colpa delle contrazioni uterine e soprattutto non dimenticate di tenere a portata di mano pannoloni per assorbire il liquido amniotico, evitando di trovarvi inondate e fradice nel bel mezzo di una riunione di lavoro o mentre parlate con un cliente”.

Battagliarin, evidentemente critico verso la misura, continua così: “Finalmente potete vedere riconosciuta e sancita la vostra innata e fisiologica capacità di essere super donne. Del resto cosa volete che sia per una donna al nono mese di gravidanza alzarsi il mattino alle 7 (per le più fortunate), preparare la colazione per la famiglia, pensare al pranzo e alla cena, vestirsi e truccarsi, prendere l’auto o il treno, oppure accalcarsi dentro una metropolitana arrivando trafelate al lavoro, entrare nel proprio ruolo professionale o lavorativo, starci per otto ore, interrompendolo solo per un panino o per raggiungere la mensa quindi ritornare a casa ripetendo l’iter di tortura da trasporti, fare la spesa, cucinare, rassettare la cucina per poi abbattersi sul divano cercando di riposare mentre il bambino (come fa tutte le sere dopo cena) ti prende a calci cercando la via d’uscita. Se poi siete così coraggiose da essere alla seconda gravidanza a quanto detto dovete ‘solo’ aggiungere anche l’accudimento e la vestizione dell’altro bimbo, l’accompagnamento a scuola e tutto ciò che gli necessita fino a quando andrà a letto”.

E da qui alle considerazioni più tecniche, il passo è breve: “Il vostro comportamento da super donne deve poi superare piccoli problemi come l’aumento ponderale, che all’ultimo mese è compreso (per le più parche) tra i 9 e i 12 chili; una stasi venosa legata alla vasodilatazione e all’aumento del volume plasmatico (il cuore pompa il 25% di sangue in più per i bisogni del bambino rispetto ad una donna di pari peso non in gravidanza) che verso sera trasforma le caviglie in un tronchetto informe e fa sentire le gambe come fossero zavorrate; la pancia al massimo del suo volume urta ovunque e vi impedisce a volte di allacciarvi le scarpe e non vi fa vedere dove mettete i piedi con il rischio di cadute; se state supine (e non ci dovete stare) vi manca il fiato e avete reflusso gastrico con relativa pirosi; se state su un fianco il bambino scalcia per cui il riposo si trasforma spesso in una lotta mentre la testa del bambino comprime la vescica spingendovi a numerose gite al bagno diurne e notturne. Lo sappiamo tutti che siete capaci di farlo ma era proprio necessario sancire come normale ciò che tutti i dati in nostro possesso, che derivano da una letteratura immensa e incontestabile, dimostrano che normale non è? Qualcuno poi vi dirà che in fondo oggi i lavori sono più leggeri e possono essere comunque svolti senza pericolo. Peccato che si dimentichi lo stress che spesso vi coglie per dare risposta a tutto ciò che vi viene chiesto che si traduce in liberazione di cortisone (incremento della glicemia), adrenalina e noradrenalina (ipertensione e contrazioni uterine) e così via”.

Quel che è certo, secondo Battagliarin, è che l’dea di lavorare fino alla fine della gestazione non è venuta ad una donna: “Qualche sagace onorevole ha pensato che tanto valesse decretare che lavoro e gravidanza possono coesistere qualunque sia l’epoca di gestazione. Invece di immaginare che avreste tratto grande giovamento dalla concessione di un mese in più di congedo retribuito, dopo la nascita del figlio, vi è stato tolto il diritto di godervi l’ultima parte della gravidanza assaporando il piacere di prepararvi ad essere madri pur di poter prolungare il periodo di puerperio di un mese in regime di retribuzione. Preparare il corredino, la stanzetta per il neonato, frequentare gli incontri di accompagnamento al parto per entrare nel giusto stato d’animo e fare prevenzione verso tante possibili anomalie del travaglio-parto per il saggio e dotto legislatore sono cose inutili poiché voi siete donne moderne e quelle cose d’altri tempi, nel terzo millennio, sono facilmente realizzabili in metropolitana usando lo smartphone con l’e-commerce e con la formazione a distanza”.

In questo articolo ci sono 3 commenti

Commenti:

  1. E pensare che in alcuni paesi ,Germania in primo luogo, viene concessa anche la collaboratrice domestica prima e dopo il parto.Noi italiane siamo super donne ,il lavoro prima di tutto,poi se cadiamo nella depressione postpartum a chi interessa.Queste sono le politiche x la famiglia e x indurre le donne a fare figli? Provate a mettervi una zavorra sulla pancia di dodici chili x tutto il giorno cari politici,alzatevi di notte ogni 3 Ore per allattare ,cambiare pannolini preparare pappe lavare stirare x tutta la famiglia,senza l’aiuto di una data o di una collaboratrice domestica, come accade x la maggior parte delle neomamme.Vediamo quanto resisterete.

  2. Condivido. Certi momenti sono irripetibili e vanno sottratti ai ritmi di vita attuali, vanno difesi e protetti.
    Ma la società della fretta lo ignora.
    Spero che le donne siano più sagge del legislatore.
    Complimenti per l’articolo.

  3. Ringrazio il ginecologo Battagliarin per il rispettoso e intelligente commento sulla gravidanza della donna, ironico ma estremamente serio e reale. Grandioso!!! GRAZIE GRAZIE GRAZIE!

Commenta for Manila

g