L’adolescenza, il bullismo, l’identità: l’imolese Ferri a Ravenna con il suo film

Margherita Ferri

La ricerca di se stessi, della propria identità, del proprio posto nel mondo. I conflitti che tutto questo può provocare, con il proprio essere e con gli altri. L’adolescenza. Il bullismo. Le discriminazioni. L’amore. Un vero film di formazione quello che Margherita Ferri, regista imolese, 34 anni, presenterà domani 29 ottobre alle 20,30 al Palazzo del Cinema di Ravenna (Largo Firenze 1) nell’ambito del Ravenna Nightmare Film Fest (qui l’evento su Facebook).

Maia, detta Zen, interpretata da Eleonora Conti

“Zen sul ghiaccio sottile”, ambientato in un paese dell’Appennino emiliano (Fanano, nel modenese), è la storia della sedicenne Maia, detta Zen, interpreta da Eleonora Conti, unica ragazza in una squadra maschile di hockey. Una che i compagni di classe non si vergognano a definire con gli epiteti più vari, come “mezza femmina”. Una che, nel suo stare fuori dallo stereotipo, sarà un modello anche per Vanessa (Susana Acchiardi), anche lei alle prese con un’identità in formazione.

Vanessa, interpretata da Susanna Acchiardi

Argomenti non semplici da portare sul grande schermo, tanto che Margherita Ferri, che da anni aveva in mente questo film di formazione (con il soggetto scritto nel 2013 aveva vinto il Premio Solinas), a un certo punto si era scoraggiata: “Dopo avere cercato di sviluppare il soggetto con vari produttori, senza risultato, ho trovato Articolture e i produttori Chiara Galloni e Ivan Olgiati, che hanno creduto in me decidendo di tentare il programma Biennale College Cinema”. Il suo lungometraggio è arrivato in fondo al percorso, ottenendo 150mila euro: “Dopo la sfida di realizzare un film a micro-budget, c’è stata quella di ultimarlo in soli nove mesi. Io ho girato tutto in 19 giorni”.

E non ci sono solo la sua città originaria e l’ambientazione del film a sancire il legame di Margherita Ferri con l’Emilia-Romagna: l’acting-coach con cui ha lavorato per le riprese – gli attori e le attrici sono non professionisti – è la faentina Cristiana Raggi e il cortometraggio “Odio il rosa!”, che la regista sta portando in giro per i principali festival italiani e non, è stato girato tra Ravenna, Marina e Marina Romea.

Dopo la proiezione di “Zen sul ghiaccio sottile”, domani sera è in programma l’incontro con Margherita Ferri ed Eleonora Conti. Che racconteranno anche l’emozionante esperienza del Festival del cinema di Venezia, dove il film è stato accolto con clamore meno di due mesi fa. Sarà presente Davide Zanza della Regione Emilia-Romagna Film Commission. Conduce Maria Martinelli.

 

In questo articolo ci sono 0 commenti

Commenta

g