Bimbi filippini “adottati” da Massa Lombarda: il racconto di come vivono

Carolina Ghiselli con Daniele Brignani e Suor Grace AdoorSpesso, quando si adotta a distanza, non si ha l’esatta restituzione dei benefici di quell’adozione. In questo caso no: le adozioni a distanza dei bambini filippini da parte dei cittadini di Massa Lombarda – tramite l’associazione “Don Orfeo Giacomelli Onlus” – sono state raccontate la sera del 12 agosto da suor Grace Adoor dell’ordine delle Sorelle di San Francesco di Sales, venuta in Italia dalle Filippine. Ad accompagnarla c’era anche suor Maria Salud, pure lei filippina, incaricata di tradurre dall’inglese.

All’incontro erano presenti una trentina di persone. Il vice sindaco Carolina Ghiselli ha portato i saluti dell’Amministrazione comunale e del sindaco Daniele Bassi: “È importante rinunciare a qualcosa per poi donare e condividere – ha sottolineato – ed è necessario contribuire a migliorare il contesto sociale delle persone e interagire sul territorio in cui vivono, evitando loro di dover lasciare la loro terra di origine”.

La presenza del vice sindaco non era casuale: dal 2001, in occasione del secondo mandato dell’attuale sindaco Daniele Bassi, l’Amministrazione comunale di Massa lombarda eroga infatti un contributo finanziario per il sostegno a distanza dell’Opera missionaria di Suor Lauretana nelle Filippine. La religiosa, che ha prestato una lunga e preziosa attività all’istituto Maria Immacolata di Massa Lombarda, da tempo ha realizzato una scuola a Manila, frequentata dai bambini poveri insieme ai bambini benestanti. Ogni anno, in occasione della Festa della donna, su proposta delle dipendenti comunali e con il grande favore dalle Amministrazioni che si sono succedute, al posto della tradizionale distribuzione della mimosa si dispone di rinnovare il sostegno a distanza di Avila Beverly della città di Las Pivas City nelle Filippine, permettendo alla ragazzina di sostenersi, di frequentare la scuola e di aiutare la sua famiglia numerosa.

Dai racconti delle suore è emerso quante siano le difficoltà che una famiglia povera Filippina deve quotidianamente vivere, compresa la possibilità di registrare all’anagrafe locale i nuovi nati, da cui consegue la perdita totale di qualsiasi diritto per quel bambino o bambina. Molti ragazzi e ragazze, grazie all’aiuto ricevuto, hanno migliorato la qualità della loro vita; il buon livello di istruzione che viene erogato loro favorisce l’introduzione nel mondo del lavoro.

I sostegni a distanza vengono gestiti direttamente dall’associazione Don Orfeo Giacomelli Onlus, in diretto contatto con la Congregazione delle Suore San Francesco di Sales. È possibile contattare l’associazione email a segreteria@donorfeo-onlus.it, oppure tramite il sito www.donorfeo-onlus.it.

 

 

In questo articolo ci sono 0 commenti

Commenta

g